. The Doors And The Others

Articoli e recensioni

Che il Rock abbia avuto come suo progenitore il Blues è ormai cosa nota a tutti. Tutti i maggiori gruppi degli anni ’60, senza eccezioni, pubblicarono, nei loro primi lavori, cover di brani blues. A questa regola non si sottrassero nemmeno i Doors i quali, a detta dello stesso Jim, avevano una “ profonda anima blues “ tanto da preferirla, nei loro ultimi lavori, a quella psichedelica con cui avevano sconvolto il mondo. E proprio i brani blues, così ben influenzati dalla straordinaria vena psichedelica dei Doors, rimarranno per sempre nell’Olimpo del Rock. Ascoltate Back Door Man o Who Do You Love: la malinconia del blues, il selvaggio primordiale di Jim Morrison e la psichedelia che, insieme, rendono improvvisamente instabile il cuore e la mente dell’ascoltatore. Come del resto tutta la musica dei Doors, spingono l’ascoltatore verso lidi mai esplorati prima: lo spingono, attraverso le “ porte della percezione “, verso un mondo in cui “ il caos e il disordine appaiono davvero l’unica strada verso la Libertà “.

Questi brani, rielaborati magistralmente dai Doors, non si limitano al Blues; si passa dal cabaret tedesco di Bertold Brecht ai brani di Elvis Presley, di cui Jim era grande estimatore, a quelli della canzone popolare americana per raggiungere addirittura i brani tradizionali. E nemmeno la Top ten americana del tempo veniva trascurata dal più grande gruppo rock che l’America abbia mai avuto. Il tutto, come a dire, che anche la musica fatta già da altri, in taluni casi, consentiva all’uomo di vedere oltre l’ignoto.

 

- Eccovi l'elenco delle cover che i Doors hanno presentato in albums ufficiali e durante le loro esibizioni dal vivo

. Alabama Song - (Weill/Brecht) da "Mahagonny"  
. Baby Please Don't Go - (Morganfield)  
. Back Door Man - (Dixon/Burnett)  
. Carol - (Berry) del 1959  
. Close To You - (Dixon)  
. Crawling Kins Snake - (Hooker)  
. Crossroads - (Johnson) del 1936  
. Eleonor Rigby - (McCartney) cantata dai The Beatles - del 1966  
. Fever - (Davenport/Cooley) cantata da Peggy Lee - del 1956  
. Get Off My Life, Woman - (Toussaint) cantata da Lee Doorsey - del 1963  
. Gloria - (Van Morrison) cantata dai Them - del 1966  
. Going To New York - (Reed)  
. Heartbreak Hotel - (Axton/Durden/Presley) cantata da Elvis Presley - del 1955  
. I'm A King Bee - (Harpo) del 1957  
. I'm A Man - (McDaniel)  
. I'm Your Doctor - (Oden)  
. Little Red Rooster - (Dixon)  
. Love Me Tender - (Darby) cantata da Elvis Presley  
. Louie, Louie - (Berry) cantata dai The Kingsmen - del 1956  
. Mack The Knife - (Weill/Brecht) dall' "Opera Da Tre Soldi" del 1928  
. Me And The Davil Blues - (Johnson) del 1937  
. Mistery Train - (Parker/Philips) cantata da Elvis Presley - del 1953  
. Money - (Gordy/Bradford) cantata da B. Strong - del 1959  
. People Get Ready - (Mayfield)  
. Pepeline - (The Chantays)  
. Push Push Push - (Cuba)  
. Rock Me Baby - (Morganfield)  
. St. James Infirmary - (Primrose)  
. Summertime - (Gershwin/Heyward) del 1934  
. Smoky The Bear - (Nelson/Rollins)  
. Who Do You Love - (McDaniel)  
. Will The Circle Be Unbroken - (Habershon) poi riarrangiata da Carter  
. (You Need Meat) Don't Go No Further - (Dixon)  
   
   
. Info: "Mannish Boys" (Morganfield) ovverossia Muddy Waters, altro non è che "I'm A Man" nella versione riarrangiata da Waters